Sportello europeoEuropa digitale e crescita sostenibile, i nuovi bandi UE

25 Febbraio 2022
https://www.danielarondinelli.it/wp-content/uploads/2022/02/Europa-digitale.jpg

Interessanti opportunità di finanziamento per bandi europei, nazionali e regionali. Dall’Europa il Programma Europa digitale favorisce la cybersecurity nella sanità. Il Fondo per la Crescita Sostenibile fornisce ingenti risorse per la transizione ecologia e circolare, mentre il PNRR riconosce contributi per l’inclusione sociale di soggetti vulnerabili.

Tra i sostegni regionali, segnaliamo contributi delle Marche per nuove imprese nell’artigianato e nel digitale; in Toscana ci sono aiuti per il settore culturale e per l’impegno scolastico degli adolescenti; l’Umbria riconosce ristori alle imprese danneggiate dalla Pandemia; mentre nel Lazio ci sono aiuti per start-up e PMI.

 

Europa-Italia

Contributi per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per la transizione ecologica e circolare negli ambiti del Green New Deal italiano

Il Fondo per la Crescita Sostenibile (FCS) prevede la concessione di agevolazioni finanziarie a sostegno dei progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per la transizione ecologica e circolare a sostegno delle finalità del “Green New Deal italiano”.

Il fine è quello di finanziare progetti di imprese ammesse ai finanziamenti agevolati a valere sul Fondo Rotativo per il sostegno alle Imprese e gli Investimenti in ricerca (FRI) e prevede la concessione di contributi a sostegno delle attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e, per le PMI, di industrializzazione dei risultati della ricerca e sviluppo.

L’intervento sostiene progetti coerenti con gli ambiti di intervento del Green New Deal italiano, con particolare riguardo agli obiettivi di:

  • decarbonizzazione dell’economia;
  • economia circolare;
  • riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi;
  • rigenerazione urbana;
  • turismo sostenibile;
  • adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico.

Le attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale devono essere finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti.

Gli investimenti per l’industrializzazione, che sono ammessi esclusivamente per le PMI, devono avere un elevato contenuto di innovazione e sostenibilità. Ed essere volti a diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi ovvero a trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.

Informazioni sul progetto

Possono essere ammessi distintamente o insieme ad un progetto di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nell’ambito di un programma integrato presentato per l’ottenimento di agevolazioni, alle condizioni previste dal decreto.

I progetti devono essere realizzati nell’ambito di una o più unità locali ubicate nel territorio nazionale.

Durata progetti attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale: durata compresa fra i 12 mesi e i 36 mesi;

Attività di industrializzazione: durata non superiore a 12 mesi.

Dotazione: Sono previsti: 600.000.000 Euro per la concessione delle agevolazioni nella forma del finanziamento agevolato a valere sulle risorse del FRI; 150.000.000 Euro per la concessione delle agevolazioni nella forma del contributo a fondo perduto. La concessione del contributo a fondo perduto è subordinata alla deliberazione del finanziamento agevolato. I candidati potranno richiedere per ogni progetto un contributo compreso fra 3.000.000 Euro e 40.000.000 Euro.

Scadenza:  31 dicembre 2023

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Contributi per l’inclusione sociale di soggetti fragili e vulnerabili

Nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza con questa iniziativa si intendono favorire le attività di inclusione sociale di determinate categorie di soggetti fragili e vulnerabili come famiglie e bambini, anziani non autosufficienti, disabili e persone senza dimora.

Nello specifico, il bando prevede:

  • interventi di rafforzamento dei servizi a supporto delle famiglie in difficoltà;
  • soluzioni alloggiative e dotazioni strumentali innovative rivolte alle persone anziane per garantire loro una vita autonoma e indipendente;
  • servizi socio assistenziali domiciliari per favorire la deistituzionalizzazione;
  • forme di sostegno agli operatori sociali per contrastare il fenomeno del burn out;
  • iniziative di housing sociale di carattere sia temporaneo che definitivo.

Le risorse previste dal bando sono stanziate per varie linee di attività, dalle persone vulnerabili e per gli anziani istituzionalizzati non autosufficienti alle capacità genitoriali e prevenzione della vulnerabilità delle famiglie e dei bambini e ai servizi domiciliari etc.

Dotazione: 14.560.000 €

Scadenza: 31 marzo 2022

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Programma Europa Digitale – Cybersecurity and Trust – Sostegno alla cybersecurity nel settore sanitario

Nell’ambito del programma “Europa Digitale” di cui abbiamo già parlato in precedenti Newsletter, questo bando prevede 2 topic diversi:

  • Sostegno alla cybersecurity nel settore sanitario;
  • Implementazione della Rete dei Centri di Coordinamento nazionale con gli Stati membri.

Il Topic “Sostegno alla cybersecurity nel settore sanitario” ha l’obiettivo di sostenere la resilienza della sicurezza informatica nel settore dell’assistenza sanitaria e delle istituzioni sanitarie, sottoposte a particolare stress negli ultimi anni a seguito della crisi causata dal Covid-19, con lo scopo di limitare i danni degli incidenti informatici critici per la sicurezza che hanno colpito gli ospedali e i fornitori di servizi sanitari.

Gli interventi ammissibili consistono nel miglioramento delle capacità di cybersecurity delle istituzioni sanitarie in tutta l’UE, compresi i servizi e i prodotti di cybersecurity, le competenze e la formazione, la sensibilizzazione e lo scambio di informazioni.

Le proposte dovranno riguardare almeno uno dei seguenti aspetti:

  • Attuazione degli obiettivi e dei requisiti della direttiva NIS in relazione al settore sanitario;
  • Adozione nella sanità e nelle istituzioni sanitarie, e in particolare nelle PMI, di strumenti, metodi, pratiche organizzative e di gestione dedicate alla sicurezza informatica e lo scambio di informazioni tra pari;
  • Identificazione elettronica (eID) e soluzioni di gestione dei dati che contribuiscono alla sicurezza dei dati nella sanità e nelle istituzioni sanitarie;
  • Educazione, consapevolezza e sviluppo delle competenze in materia di cybersecurity nelle istituzioni sanitarie.

Verrà data priorità alle soluzioni transfrontaliere. I progetti dovranno prevedere indicativamente una durata di 24 mesi.

Dotazione 1:0.000.000

Scadenza 17 maggio 2022

Per maggio informazioni clicca qui.

 

Marche

Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese artigiane e dell’artigianato digitale

La Regione Marche intende supportare gli investimenti per favorire la nascita e lo sviluppo di nuove imprese artigiane e dell’artigianato digitale.

Saranno valutati ammissibili alle agevolazioni i programmi di investimento produttivi finalizzati alla nascita e allo sviluppo di nuove imprese artigiane e dell’artigianato digitale.

Sono ammissibili alle agevolazioni i costi relativi alle varie tipologie di spese:

  • per macchinari e relativi impianti, hardware, attrezzature; spese di progettazione, direzione lavori connesse alle opere edili/murarie e impiantistiche;
  • nel limite del 10% le spese per opere edili/murarie e impiantistiche;
  • notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa;
  • per mezzi di trasporto;
  • per programmi informatici; spese per la registrazione e sviluppo di marchi e brevetti;
  • per la realizzazione di materiale promozionale;
  • per messaggi pubblicitari; spese di locazione per spazi condivisi (coworking);
  • per consulenze specialistiche.

Possono partecipale micro e piccole imprese artigianali aventi l’unità produttiva sede dell’investimento ubicata nel territorio della Regione Marche.

Dotazione: 898.000 €

Scadenza: 15 marzo 2022

Per maggiori informazioni clicca qui.

Toscana (1)

Fondazione Pisa – Contributi per progetti nell’ambito del settore dei Beni Culturali

La Fondazione Pisa, persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, a vantaggio del proprio ambito territoriale di riferimento, indirizzando la sua attività verso i settori di intervento rilevanti previsti nello Statuto.

Nello specifico questo bando intende sostenere progetti nell’ambito delle Attività Culturali. Saranno finanziati specifici progetti relativi ad iniziative culturali quali manifestazioni espositive, teatrali, musicali. Ovvero di altra forma di espressione a valenza culturale, rivolte ad una immediata fruizione pubblica, che si svolgano nell’ambito territoriale di riferimento della Fondazione Pisa.

La fondazione concede contributi esclusivamente persone giuridiche che, con scopo di utilità sociale e senza finalità di lucro:

  • operino nel settore delle Attività Culturali;
  • concorrano a promuovere lo sviluppo economico dell’ambito territoriale di riferimento della Fondazione;
  • operino, di norma, stabilmente da almeno 5 anni nel settore di intervento cui si riferisce la richiesta di contributo.

Dotazione: non specificata

Scadenza 30 novembre 2022

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Toscana (2)

Bando Doposcuola – 2° edizione: erogazione di percorsi extra-scolastici per favorire il successo scolastico dei minori di 14-18 anni

Il Bando sollecita la presentazione di proposte per la realizzazione di percorsi di recupero e potenziamento delle competenze, di motivazione allo studio e di recupero della socializzazione rivolti agli studenti delle scuole secondarie di II grado della Città metropolitana di Firenze e delle province di Arezzo e Grosseto.

Tra le finalità generali rientrano il potenziamento della motivazione e della partecipazione dei giovani alla vita del territorio e la realizzazione di nuove forme di alleanza tra istituti scolastici e terzo settore per promuovere forme di organizzazione sussidiarie e rafforzare i processi di integrazione con il mondo del lavoro.

In particolare, gli interventi proposti dovranno perseguire il triplice obiettivo di: recuperare il “learning loss”; recuperare la “social loss”; ampliare in maniera qualitativa e quantitativa l’offerta di attività extra-didattiche.

Le proposte devono prevedere un insieme coordinato di interventi da realizzare preferibilmente nei periodi di sospensione dell’attività didattica e comunque al di fuori dell’orario scolastico.

Dotazione: 300.000

Scadenza: 16 marzo

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Umbria

Ristori a imprese colpite dalla pandemia Covid

Al fine di dare un impulso alla ripresa economica regionale e di tutelare gli imprenditori più aspramente colpiti dalla crisi pandemica, la Regione Umbria ha previsto l’erogazione di ristori economici a imprese umbre operanti in diversi settori che hanno subito perdite di fatturato.

L’agevolazione finanziaria prevista è concessa all’interno del “Quadro temporaneo per le misure di aiuti di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19”.

I contributi previsti dal Bando sono destinati alle imprese umbre particolarmente colpite dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 appartenenti alle seguenti categorie economiche:

  • trasporto turistico di persone mediante autobus coperti;
  • attività nel settore dei matrimoni e degli eventi privati, organizzazione fiere;
  • attività di commercio all’ingrosso nel settore alimentare;
  • Soggetti operanti nel settore dell’informazione locale, stampa quotidiana e periodica, informazione on line;
  • esercenti attività di edizione libri;
  • Imprese attività di parchi tematici, acquari, parchi geologici e giardini zoologici.

Dotazione: 2.633.248 €

Scadenza: 31 marzo 2022

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

Lazio

Sviluppo del venture capital per start up e PMI

INNOVA Venture è il fondo della Regione Lazio dedicato al Venture Capital, gestito da Lazio Innova e finanziato attraverso le risorse comunitarie del POR FESR Lazio 2014 – 2020.

Il fondo intende supportare lo sviluppo del mercato del venture capital nel Lazio attraverso interventi diretti nel capitale di rischio di start-up e PM localizzate, o che intendono localizzarsi, nella regione Lazio con un effetto leva sui capitali raccolti da co-investitori privati indipendenti.

INNOVA Venture co-investe direttamente nel capitale di rischio delle imprese del Lazio esclusivamente insieme a investitori privati e indipendenti. Attraverso Accordi Quadro di Coinvestimento con investitori di comprovata capacità interessati ad investire strutturalmente nel Lazio, soprattutto in start-up nelle fasi più seed; oppure è possibile coinvestire con capitali attraverso campagne di Equity Crowdfunding con le piattaforme autorizzate convenzionate attraverso veicoli societari ad hoc.

Gli investimenti di INNOVA Venture sono riservati inizialmente ad investimenti ammissibili che abbiano ad oggetto progetti imprenditoriali riguardanti i settori ad alta intensità di conoscenza e che al contempo rientrino negli ambiti delle aree di specializzazione individuate dalla Smart Specialization Strategy del Lazio. Possono partecipare micro, piccole e medie imprese (ex Reg. (UE) 651/2014) che:

  • operino in settori di attività non esclusi;
  • abbiano, o intendano aprire, almeno una sede operativa principale nel Lazio;
  • non siano imprese non in difficoltà ai sensi della normativa comunitaria.

Promotori (persone fisiche o giuridiche) di costituende start-up che si costituiscano in impresa e si iscrivano al Registro Imprese di una delle Camere di Commercio del territorio regionale del Lazio prima della delibera di investimento del Comitato di Investimento.

Dotazione: 18.549.327,54 Euro

Scadenza: 31 luglio 2023

Per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

Servizio offerto da Daniela Rondinelli, deputata al Parlamento europeo, non iscritti.
Le opinioni espresse sono di responsabilità esclusiva dell’autore o degli autori e non riflettono necessariamente la posizione ufficiale del Parlamento europeo.

https://www.danielarondinelli.it/wp-content/uploads/2022/06/rondi.webp
Bruxelles
Parlamento europeo
Strasburgo
Parlamento europeo
Roma
Ufficio in Italia
© Daniela Rondinelli • Europarlamentare • Cookie PolicyPrivacy Policy